Boxe e filo spinato, i ricordi degli italiani prigionieri in Africa — Lombardi nel Mondo

Boxe e filo spinato, i ricordi degli italiani prigionieri in Africa

Gli ex prigionieri si sono rivisti dopo aver attraversato vite molto diverse: c’è chi ha diretto aziende, chi ha fatto il bidello, chi l’autista di pullman, chi il sindaco di paese. E, come in un romanzo di Sándor Márai, rieccoli a tirare le fila delle loro esistenze ricordando gli anni di Zonderwater.
22/04/2014

Boxe e filo spinato, i ricordi degli italiani prigionieri in Africa

Gli ex prigionieri si sono rivisti dopo aver attraversato vite molto diverse: c’è chi ha diretto aziende, chi ha fatto il bidello, chi l’autista di pullman, chi il sindaco di paese. E, come in un romanzo di Sándor Márai, rieccoli a tirare le fila delle loro esistenze ricordando gli anni di Zonderwater.

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020