Assemblea Unaie: il 2006 sarà l’anno dell’internazionalizzazione — Lombardi nel Mondo

Assemblea Unaie: il 2006 sarà l’anno dell’internazionalizzazione

Il presidente Mimmo Azzia fa il punto delle iniziative realizzate e dei progetti futuri durante l’incontro del 6 marzo scorso presso la sede romana della Regione Sicilia, con presenti 29 associazioni operanti in Italia ed all’estero

ROMA – All’assemblea dell’Unaie (Unione nazionale associazioni immigrati ed emigrati), che si è svolta il 6 marzo scorso presso la sede romana della Regione Sicilia, erano presenti 29 associazioni operanti in Italia ed all’estero; rappresentate in questo contesto, attraverso specifiche deleghe, altre sette associazioni. Un realtà vitale, che da quarant’anni riunisce sodalizi che dalle regioni e province italiane raggiungono le comunità italiane sparse nel mondo e che il presidente dell’Unaie, avvocato Domenico Azzia, ha illustrato e reso tangibile ripercorrendo l’intensa l’attività e le iniziative progettuali di questo mix associativo.

 

L’Unaie, che riafferma con determinazione la centralità dei propri valori storici nella politica migratoria, ha infatti rafforzato il proprio impegno comunicativo sia sul piano dei contenuti, attraverso la diffusione di informazioni sui problemi del mondo migratorio e sugli eventi nazionali d’interesse per le nostre comunità, sia sul versante quantitativo dei contatti con l’acquisizione di oltre mille indirizzi di posta elettronica delle istituzioni, della società civile e degli operatori del settore. Esempio di questa nuova propensione tecnologica è il sito www.unaie.it che presto sarà potenziato, soprattutto per quanto riguarda le news, e che propone in quattro lingue fatti, avvenimenti e cenni storici relativi alle associazioni.

 

L’Unaie ha svolto nell’ultimo anno anche una costante azione di pungolo, basata sul confronto e il dialogo, nei riguardi del Governo, delle Regioni, del Cgie e del mondo dell’informazione. Un’attività che si è concretizzata, ad esempio, nell’invio di una lettera aperta alla Presidenza del Consiglio per la convocazione della Conferenza Stato-Regioni-Province autonome-Cgie e nella richiesta di intervento del ministro degli Esteri Fini per sanare le difficoltà incontrate in Canada nell’attuazione del voto degli italiani all’estero. Sollecitazioni mirate che in alcuni casi, come quelli relativi all’oscuramento della Rai in Belgio e al declassamento della lingua italiana nelle comunicazioni giornaliere dell’Unione Europea, si sono trasformate in vere e proprie note di protesta.

 

Nell’attuazione di queste democratiche pressioni l’Unaie è stata sostenuta anche da un gruppo parlamentare di studio, formato da deputati e senatori di varia estrazione politica, che ha dato visibilità alle problematiche degli italiani all’estero. Agli “Amici dell’Unaie”, questo il nome del gruppo che presto sarà ampliato, hanno aderito i senatori Renzo Gruber e Sebastiano Sanzarello – sua la presentazione dell’interpellanza sul rimborso delle spese di viaggio per gli italiani che rientrano a votare – e i deputati Pino Pisicchio e Maurizio Paniz.

 

Per quanto riguarda invece i rapporti con gli enti locali l’Unaie si è attivata per la costituzione delle Consulte regionali – l’organizzazione è presente con i suoi delegati ufficiali in Abruzzo, Lombardia, Puglia, Lazio, Piemonte, Toscana, Umbria e Liguria – e con l’invio di lettere aperte al ministro per gli Affari regionali La Loggia ed a tutti i presidenti di Regione. Sul fronte del Cgie l’azione dell’Unaie è stata contraddistinta dall’approvazione, da parte del parlamentino degli italiani all’estero, di cinque ordini del giorno presentati da Mimmo Azzia relativi a vari aspetti, come ad esempio il recupero dell’Italia dimenticata, la protesta per il declassamento della lingua italiana a Strasburgo e la centralità dell’associazionismo anche nel suo rapporto con la società civile. Le proposte dell’Unaie sono inoltre state inserite nel documento finale approvato dall’Assemblea della Conferenza Stato-Regione-Provincie autonome-Cgie.

 

Il 2006, che per l’Unaie sarà l’anno dell’internazionalizzazione, si presenta ricco di incontri, di sfide e di momenti di approfondimento. Oltre ai quattro convegni in programma, relativi ai 40 anni dell’Unaie, all’immigrazione a Milano, alla cittadinanza italiana e alla realtà delle associazioni plurigemellate, segnaliamo la stipula di convenzioni fra il circuito culturale dell’Unaie con la Dante Alighieri, gli Istituti Italiani di Cultura ed il Mae. Nell’ambito delle iniziative informative sarà avviata la stampa della “Storia dell’Unaie” -il volume conterrà le interviste dei sei presidenti dell’Unione – e la pubblicazione del numero unico “Unaie Mondo 2005”. Nell’anno del lancio della struttura sovrannazionale dell’Unaie, che presenta un rinnovato impegno sul fronte delle borse di studio, sarà inoltre avviato il coordinamento delle tante testate che fanno capo a questa realtà associativa. (Goffredo Morgia- Inform)

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020