Giornata in onore dell’Unità d’Italia a Perth — Lombardi nel Mondo

Giornata in onore dell’Unità d’Italia a Perth

La scorsa domenica 8 novembre si è svolta la tradizionale commemorazione dell’Unità d’Italia. Alla manifestazione erano presenti diversi ospiti illustri, come il console italiano, Giorgio Taborri.

PERTH – La scorsa domenica 8 novembre, presso Villa Terenzio, si è svolta la tradizionale commemorazione dell’Unità d’Italia. Alla manifestazione, che è stata organizzata dall’Associazione nazionale combattenti e reduci italiani e dalle associazioni d’arma del Western Australia, tra l’altro nello stesso giorno in cui si è celebrata la festa delle Forze armate, erano presenti diversi ospiti illustri, come il console italiano, Giorgio Taborri, e i rappresentanti delle seguenti associazioni d’arma: l’Associazione nazionale combattenti e reduci italiani, l’Associazione nazionale alpini, i cui rappresentanti si sono presentanti con la caratteristica penna nera, l’Associazione nazionale marinai d’Italia e quelle dei bersaglieri, con il tipico cappello con le piume, degli avieri e dei carabinieri.

Le celebrazioni hanno avuto inizio alle ore 10 a.m. con la santa messa, officiata da due cappellani militari, padre Ciocolich e padre Filippo Magni, nella cappella di San Giuseppe. La liturgia è stata impreziosita dai canti del coro dei Marinai d’Italia e al termine della funzione religiosa i convenuti si sono radunati davanti al monumento ai caduti di tutte le guerre per assistere alla tradizionale deposizione dei fiori.

In particolare, il console Taborri, deponendo la ghirlanda a nome del governo italiano, ha ricordato commosso l’importanza della manifestazione patriottica, attraverso la quale si intende onorare la fatidica data del 4 novembre 1918, quando, conclusasi la prima guerra mondiale, l’unità del Paese si realizzava attraverso la conquista dei territori ancora sotto la dominazione straniera.

Inoltre, il console ha ricordato che quest’anno la commemorazione è corrisposta anche ai festeggiamenti in onore delle Forze armate, che ancora oggi sono impegnate nella pericolosa attività di vigilanza e protezione della nostra patria, oltre che nella salvaguardia della libertà e della giustizia nei vari angoli del mondo. A questo proposito, un ricordo particolare è andato a tutti gli italiani che sono caduti, anche di recente, in nome dell’Italia e della pace nel mondo .

Successivamente al console, davanti al monumento ai caduti si sono alternati gli alpini, con il presidente dell’Associazione nazionale alpini, Artemio Valvassori, i delegati dell’Associazione nazionale combattenti e reduci italiani, insieme al presidente, il cavaliere Nicola Ottobrino, e un folto gruppo di Marinai d’Italia, tutti in divisa e con il loro presidente Sebastiano Cannella. Tra questi, si è particolarmente distinto il signor Duilio Arnaldo Tedeschi, anziano cannoniere navale molto orgoglioso del suo passato come marinaio, che lo ha visto partecipare a missioni di pace importanti quali quella in Somalia.

Le celebrazioni in onore delle forze armate e dell’Unità d’Italia si sono poi concluse con un minuto di raccoglimento davanti al monumento ai caduti e con l’inno nazionale, cantato da tutti i partecipanti.

 

http://italianmedia.com.au/w3/index.php?option=com_content&view=article&id=2686%3Agiornata-in-onore-dellunita-ditalia&catid=11%3Adal-western-australia&Itemid=5&lang=it

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020