Autori Lombardi nel Mondo — Lombardi nel Mondo

Autori Lombardi nel Mondo

Il cremasco Giuseppe Barbaglio, che alla domanda dell’ultima intervista fattagli, su se si definiva emigrato o viaggiatore ha preferito dirsi viaggiatore, ha pubblicato il suo più recente libro. Continuando l’investigazione attorno ad alcuni dogmi della fede ha scritto “I 33 pensieri di Lucifero”
Autori Lombardi nel Mondo

Copertina del libro

I 33 pensieri di Lucifero: il nuovo libro di Giuseppe Barbaglio. Seguire i lombardi intervistati è sempre un piacere. Se ne accompagna l’evoluzione e se ne condividono le scelte ed i percorsi.

Il cremasco Giuseppe Barbaglio, che alla domanda dell’ultima intervista fattagli, su se si definiva emigrato o viaggiatore ha preferito dirsi viaggiatore, ha pubblicato il suo più recente libro. Continuando l’investigazione attorno ad alcuni dogmi della fede ha scritto “I 33 pensieri di Lucifero” presentandolo attraverso un’intrigante sequenza diapositiva disponibile in video al link:  http://www.youtube.com/watch?v=yfqtGVbY5wA&feature=colike

Raggiungo il Barbaglio per un’intervista

D: Caro Giuseppe, quanto è stato importante il tuo soggiorno triennale sull’Isola di Itaparica (Brasile) per la stesura di questo tuo più recente libro?

R: Credo sia stato fondamentale per raggiungere quella serenità che ti permette di dedicarti ad un progetto con la dovuta attenzione. Sicuramente se fossi stato in Italia lo avrei scritto comunque, questo libro è uno dei tanti che avevo in progetto di scrivere e per i quali raccoglievo materiale già da anni, ma con certezza ci avrei impiegato molto più tempo.

D: Di quali strumenti ti sei avvalso per supportare la tua ricerca?

R: Ho letto diversi testi sull’argomento, relazioni di storici, antropologi e archeologi.  Esiste poi una meravigliosa realtà chiamata “internet” che ti dà la possibilità di reperire molto materiale ed in particolare esistono forum di settore nei quali puoi conversare con ricercatori e confrontare teorie e conclusioni.

D: Qual’è il profilo dei tuoi lettori?

R: Credo che il mio lettore “tipo” sia una persona che non si accontenta delle apparenze, una persona che ama approfondire le questioni e di conseguenza, indipendentemente dai titoli scolastici, una persona di buona cultura.

Non necessariamente deve essere ateo in quanto la mia descrizione può abbracciare anche il credente consapevole, cioè colui che non crede per partito preso ma per un suo percorso interiore che passa anche per la ricerca ed il confronto.

D: Quali argomenti useresti per accattivarti un’altra fetta di pubblico?

R : Io spero che chi lo leggerà ne parli poi con gli amici.  Gli argomenti trattati di sicuro interesse, a mio avviso, sono molti e danno motivo di conversazione.  E’ questo, secondo me, il miglior modo di incuriosire e conquistare una fetta in più di lettori.

 

Marco Stella, Rio de Janeiro

Portale dei Lombardi nel Mondo

 

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020